Vittorio Gassman. Una vita da mattatore

Il libro scritto da Luisella Bolla e Flaminia Cardini, racconta la vita televisiva di Vittorio Gassman.
Il video (90′), regia di Emanuele Salce e Tommaso Pagliai, annoda testimonianze, opere teatrali, recital di poesie, spettacoli di varietà, brani inediti.
Pagine: 128
Editore: Edizioni RaiEri
Prezzzo: euro 18

“Io non ho mai avuto la sensazione di lavorare in vita mia”. È il mattatore che parla. Ci fa partecipi della grande passione per il teatro, cinema, poesia, televisione, radio, sketch, varietà, fiction, giornalismo. Laddove non c’è sforzo ma una naturale predisposizione. Laddove essere il primo, essere il più bravo è quasi una vocazione. Cinquant’anni di frenetica attività hanno lasciato un’impronta personalissima nel mondo dello spettacolo. Parte dal teatro fino a diventarne mostro sacro, icona, dominatore incontrastato dei palcoscenici italiani, è il divo della commedia all’italiana. I film lo aiutano a raccogliere le simpatie del pubblico, a farlo ridere sui vizi e le virtù dell’italiano, ad uscire dalla teatralità tradizionale per raccontare vicende attuali legate alla cronaca, a fare incursioni nella memoria ancora bruciante del recente passato. Poi la televisione. Non si sottrae al suo occhio curioso ma ne intuisce le grandi possibilità, ne approva l’enorme raggio di divulgazione e le potenzialità tecniche. Vittorio “fa” televisione senza inibizioni, si immerge nel clima delle riprese e incendia il video con le sue trovate. Attraverso gli schermi televisivi vuole incontrarsi con i telespettatori e sedurli sul piano della cordialità, della felicità e soprattutto del divertimento. Ospite, saltimbanco e fine dicitore, pronto a strappare la risata e a farsi prendere sul serio, cammina sicuro e altero sul terreno minato della leggerezza del sabato sera. Bravo da far paura, paurosamente bravo. A tutto campo. Oltre ai testi teatrali propone in tv anche le letture poetiche. Unico detentore dei suoi ricordi, ricostruisce la sua memoria con un libro autobiografico che troverà spazio in trasposizioni radiofoniche e televisive. E ancora il teatro, ma come vocazione all’insegnamento, come educazione filmando i retroscena, le prove e i provini. La sfida infernale per raccontare la sua vita e se stesso, in un racconto che unisce euforia e depressione, misura e dismisura, progetto e utopia, è affidata a “Ulisse e la balena bianca”, il teatro come espressione del popolo di una città, come vita, tragedia e commedia umana. Essere il più bravo, avere sempre più successo lo portano da un lato a sbalzi d’umore ed euforia alternata a insopprimibili depressioni ma anche a regalarci divertimento insieme leggero e colto, la confessione delle proprie fragilità, ironia, la presenza generosa e tanta passione civile unita ad un grande progetto educativo.

Il tricolore degli italiani

Autori: Tarquinio Maiorino, Giuseppe Marchetti Tricamo, Andrea Zagami
Editore: Mondadori
Pagine: 167
Prezzo: euro 13,60

Il percorso storico iniziato con “Fratelli d’Italia la vera storia dell’inno di Mameli” prosegue con “Il tricolore degli italiani”. Protagonista la bandiera verde, bianca e rossa trascinatrice del sentimento popolare. La ricostruzione del suo cammino parte dalla nascita a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797 per consegnarci il ricordo del groviglio di vicende storiche che fecero da scenario e da cornice alla sua sfida in un cammino lungo due secoli. Periodi di clandestinità hanno alternato vicende in cui il tricolore è stato ribenedetto, riconsacrato dai combattenti guidati dall’ondeggiar dei vessilli, riportato dentro e fuori i confini nazionali grazie alle missioni umanitarie, all’attenzione delle comunità degli emigranti, alle grandi manifestazioni sportive e grazie all’impegno profuso dal nostro Presidente. Carlo Azeglio Ciampi ha solennemente esortato gli italiani a far emergere dai nascondigli la bandiera e a rimettere al posto d’onore nella scala dei valori il simbolo intorno al quale bisogna stringersi. Al racconto si aggiungono l’origine delle bandiere, il galateo delle bandiere, la bandiera nei musei e cronologia del tricolore.

Un passato intenso, 36 anni in RAI

di Renzo Rosso
Azimut Editore
Euro 9,90

Una breve ma consistente autobiografia nella quale Renzo Rosso ci svela pensieri e ricordi di tutta una vita, una vita intrecciata con l’Azienda Rai per la quale ha lavorato 36 lunghi anni. Anni non sempre facili attraversati da personaggi ed incontri significativi: da Carlo Emilio Gadda a Lucky Luciano, da Walter Veltroni a Raffaele La Capria, da Roberto Rossellini ai vari Direttori Generali che si sono succeduti e con i quali ha avuto colloqui anche tempestosi. Insieme a lui ripercorriamo la nostra vita aziendale, le svolte, i progetti tracciati e mai realizzati, i grandi programmi che resteranno per sempre legati alla storia della televisione. Come l’Odissea, colosso che lo ha visto a fianco del regista Franco Rossi e degli sceneggiatori e che lo ha impegnato nella ritraduzione in italiano e adattamento delle parti affidate ai primi attori Irene Papas e Bakin Femiu. I ricordi ci conducono ai primi anni lavorativi a Via Asiago, dopo un corso di quattro mesi a Torino, come assistente musicale, al trasferimento a Napoli per occuparsi di programmi sulla canzone napoletana e di rapporti con le case editrici di canzonette. Per proseguire la vita aziendale a Raidue con Massimo Fichera, persona di ottima cultura e di civile ambizione e con l’ amicizia e vicinanza di stanza, al quarto piano di Viale Mazzini, con Raffaele La Capria, Dudù, con il quale ha condiviso anni di consolazione e di humor reciproci per la somiglianza della nostra attività extraaziendale e l’identica natura aburocratica.

Read More

Il gabbiano nero

di Renzo Rosso
Azimut Editore
Euro 13,00

Con una narrativa di alta qualità, senza enfasi, senza patetismi e senza consolazioni postmoderniste, incurante delle logiche di mercato, Renzo Rosso, con Il gabbiano nero, ottiene il prestigioso Premio Feronia 2007 che ha più volte segnalato scrittori, poeti e critici di valore assoluto. Un’immensa astronave proveniente da sconosciute e incommensurabili profondità, messaggera di una civiltà che ci precede di 1 milione e 200 mila anni, dotata di strumenti che garantiscono la conoscenza totale della nostra realtà geofisica, storica e politica, Il gabbiano nero, solca i cieli del pianeta, si accampa e si sposta in continuazione sulle direttrici di città, stati e meridiani. L’autore ci conduce ad una riflessione filosofica e politica della società in cui viviamo ponendo l’attenzione su competizioni feroci, sulla violenza e la sopraffazione, sul mercantilismo e sullo spreco, sull’indifferenza e sul primato della finanza.

Lobby della trasparenza

Manuale di relazioni istituzionali di Giuseppe Mazzei
Centro di Documentazione
Giornalistica
Euro 18,00

Giornalista dal 1975, ha lavorato 10 anni al GR, è stato vicedirettore ed editorialista del TG1 e inviato del TG2 al seguito del Presidente della Repubblica. Ha collaborato a varie riviste e pubblicato vari volumi. E’ responsabile dei rapporti con le Authority della Rai ed è docente di teoria e tecniche del linguaggio giornalistico. Una guida completa e ricca di suggerimenti in un libro che, dopo aver ricostruito il dibattito teorico sulle lobbies, descrive le diverse attività di relazioni con le istituzioni e di rappresentanza di interessi con un esame dettagliato del lobbismo verso il Parlamento, il Governo, le Authority e le istituzioni europee. L’autore sostiene che le lobbies come strumento di rappresentanza degli interessi, non si devono sostituire alla politica, ma devono aiutare coloro che hanno potere decisionale ad adottare scelte efficienti e praticabili nell’interesse generale. Le lobbies possono far bene alla democrazia solo se sono regolamentate, trasparenti e rigorosamente separate dal finanziamento della politica. Il quadro della normativa sulle lobbies negli Stati Uniti e in altri Paesi occidentali offre lo spunto per una serie di proposte per una regolamentazione moderna e senza ipocrisie, auspicabile anche per l’Italia. Una ricca appendice di documentazione completa questo saggio che si propone come strumento di studio e di lavoro.